Raggi solari sulla Neve: come evitare danni alla vista

Posted in: Guide Started by

Raggi solari sulla Neve: come evitare danni alla vista

proteggere-la-vista-dal-sole-in-montagnaArriva il freddo e con esso la voglia di montagna e di piste innevate. Anche se manca ancora qualche mese all’inizio della stagione sciistica vera e propria è necessario essere a conoscenza dei rischi legati ad un’eccessiva esposizione ai raggi solari anche in montagna.

In alta quota, infatti, il sole è più vicino e il riverbero della neve moltiplica i raggi. Un’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti del sole, in assenza di adeguata protezione, è fortemente dannosa per i nostri occhi che posso essere soggetti, ad esempio, alla cheratocongiuntivite attinica, un’infiammazione acuta con sintomi quali lacrimazione, dolore, gonfiore alle palpebre, sensazione di sabbia negli occhi, vista annebbiata o ridotta.

Proteggere la nostra vista in modo adeguato sulle piste da sci, quindi, è essenziale, e per farlo bisogna dotarsi di occhiali da sole adatti al proprio occhio e al tipo di esposizione solare.

Secondo una recente ricerca solo una persona su dieci sceglie gli occhiali da sole con lo scopo di proteggere la propria vista, mentre la funzione estetica è la caratteristica più importante per il 35% degli intervistati.

Come prevenire i disturbi visivi causati dai raggi solari?

Una delle prime cose da tenere a mente durante la scelta degli occhiali da sole è la ricerca di lenti dotate di filtri a norma di legge.  Gli occhiali da sole devono essere, inoltre, in materiale anallergico, e la montatura deve potersi adattare alle caratteristiche del viso di chi la indossa.
Anche la colorazione della lente va scelta in maniera accurata sulla base dell’anatomia dell’occhio: per occhi più lunghi del normale (ipermetropia) si devono prediligere lenti verdi o grigio-verdi, mentre per occhi più corti della norma (miopia) sono consigliati colori caldi come il marrone.
Particolare attenzione va prestata alle lenti dai colori sgargianti o fluo, di forte appeal estetico, non sono adatte per filtrare la luce a forte intensità: lenti azzurre o rosa sono adatte alla sera o in condizioni di cielo coperto, ma non sotto il sole.
Anche la funzione dell’occhiale ha il suo peso nella scelta del modello da sole ideale: per la pratica sportiva sono indicate le lenti infrangibili, meglio ancora se a mascherina, in grado di bloccare i raggi nocivi provenienti anche lateralmente, mentre quelle polarizzate sono utili per risolvere il problema del riverbero della neve.

L’importanza di una dieta corretta anche sulla neve.

Una dieta salutare e povera di grassi è essenziale per mantenere in buono stato la vista. Anche durante le vacanze sulla neve, in una situazione di stress visivo, è necessario tenere a mente quali alimenti privilegiare per migliorare le prestazioni dei nostri occhi.

In particolare, è opportuno consumare molta frutta (soprattutto arance, kiwi e albicocche), verdura (peperoni, pomodori, carote,vegetali a foglia verde come lattuga e spinaci).

Un grande aiuto, nei soggetti affetti da distrofie retiniche, deriva dall’assunzione di complessi multi vitaminici (come vitamina A, C ed E, ma anche selenio, zinco e luteina) insieme al consumo di molta acqua, allo scopo di ulteriormente lo stress ossidativo e proteggere le cellule della retina.

Infine, è consigliabile mangiare spesso pesce perché contiene omega-3 e omega-6, acidi grassi che hanno dimostrato avere un effetto protettivo sulla macula dell’occhio.

Infine…

Dai più piccoli agli adulti, il consiglio migliore resta quello di rivolgersi all‘ottico optometrista competente, che con test specifici saprà stabilire l’entità e il tipo di difetto visivo e consigliare al meglio nella scelta di occhiali da sole moderni e alla moda, ma protettivi.

Leave a Reply